Frosinone, presentati i dati congiunturali da Federlazio e le previsioni non sono certo rosee

burst

“Sono più le impresse che nascono, che quelle che muoiono, ma il quadro in Ciociaria non è certamente edificante, anche perché se è un dato positivo, non c’è da montarsi la testa” ha detto il direttore di Federlazio Frosinone dott. Roberto Battisti, che in conferenza stampa ha presentato il quadro dell’indagine congiunturale sulle piccole e medie imprese della Provincia di Frosinone del 2018 e previsioni del 2019.

“In soli tre mesi siamo regrediti, complice una congiuntura internazionale ed è marcato il netto peggioramento rispetto al primo semestre 2018. Si è investito sul personale che è stato stabilizzato e che quindi spera nella ripresa – ha poi affermato il presidente Emanuele Di Gennaro- che ha anche annunciato che tra non molto nasceranno 27 imprese, una molto grande e si augura che la burocrazia non spezzerà le gambe a queste nuove iniziative. Il Rettore dell’Università di Cassino Prof. Giovanni Betta, invece ha sollecitato gli industriali a non essere troppo pessimisti, perché nel leggere attentamente la relazione ha intravisto un futuro migliore. Il Presidente del Consiglio Provinciale Gerardo Vacana ha parlato dell’importante evento con il Ministro dell’Ambiente Costa e Zingaretti con la firma dell’accordo di programma ed ha assicurato che sarà la provincia a garantirlo. Insomma, la piccola industria cerca di risalire un passetto alla volta, anche se l’export extra UE è diminuito un pochino, ma la speranza di rinascere c’è.

 

Giancarlo Flavi

Be the first to comment on "Frosinone, presentati i dati congiunturali da Federlazio e le previsioni non sono certo rosee"

Leave a comment