Paliano, parola all’industriale Alfiero Romani: “lo sviluppo del comprensorio grazie a Moffa, mentre Alfieri è inadeguato”

rpt_vivid

Non ha peli sulla lingua l’industriale Alfiero Romani che smentisce il fatto di essere contro la nuova costruzione degli opifici della Vailog a Colleferro che serviranno ai colossi Amazon e Leroy Merlin con quest’ultima che opera nello stesso lavoro dove l’industriale palianese ha creato un vero e proprio impero.

Io non sono contro nessuno –  ci tiene a precisare il Sig. Alfiero Romani – quella zona abbiamo voluto noi che fosse così, perché inizialmente era Sloi, poi grazie al grande sindaco Moffa ed alla sua lungimiranza è diventata Slim, cosa che ha permesso di dare occupazione a circa 500 persone. La mia azienda conta circa un centinaio di occupanti, figurati se io sono contro lo sviluppo di quel comprensorio, anzi l’area del truck Village doveva essere ancora più grossa per essere più funzionale”

L’attuale sindaco Alfieri è inadeguato per lo sviluppo di Paliano. Perché non ha una lungimiranza amministrativa nei confronti dello sviluppo sulla mia città”. Poi l piano de discorso nelle nostra chiacchierata con l’imprenditore palianese ha preso una piega politica: “una volta mi dicono che sono di sinistra un’altra volta di destra, io non sono di nessun partito io sono per lo sviluppo di tutto il comprensorio tra Colleferro- Paliano e credo che Moffa abbia lavorato bene per tutti, perché la sua città aveva perso con un solo colpo  6.000 posti di lavoro con la Snia che stava trasformando gli stabilimenti che oggi sono abbandonati  e Moffa ha cercato di parare il colpo con lo Sloi diventato oggi Slim e il Sindaco Sanna ha trovato la strada spianata per andare avanti con lo sviluppo. E credo che i nuovi opifici siano un beneficio non solo per Colleferro, ma per tutto il comprensorio”.

Alfiero Romani è tornato a parlare anche dei rapporti non idilliaci con Umberto Schina quando era alla presidenza della BCC di Paliano. Pur sapendo di perdere la battaglia ha comunque tentato di scalzare Schina dalla presidenza della banca, non riuscendoci. Si capisce che è un uomo che ha una sua idea di sviluppo e la sua azienda oggi, nonostante la crisi mondiale nel settore dell’edilizia, riesce ad avere ancora un centinaio di persone occupate che non è certamente poco visto i tempi che corrono.

Nei giorni scorsi abbiamo appreso durante una conferenza stampa in Unindustria di Frosinone dove si parlava del mancato sviluppo industriale della Valle del Sacco, passato sotto il vincolo del SIN del vincolo lungo 29 chilometri e che abbraccia 19 paesi, che sta ulteriormente bloccando lo sviluppo. Sapete perché il Sindaco di Colleferro ha potuto rilasciare in quattro mesi la licenza  di costruzione alla Vailog? Per il solo fatto che quella zona, pur stando vicina  alla discarica di Colle Fagiolara, non è sotto il vincolo del Sin nazionale perché furbescamente Sanna l’ha fatta escludere, ed ha potuto rilasciare la licenza in poco tempo. Le due zone industriali di Paliano, invece, sono nel più completo abbandono pur occupando un migliaio di persone, tra le quali anche lo stesso sindaco Alfieri, che pare abbia promesso al prefetto di Frosinone Portelli il suo intervento entro questa legislatura.

Giancarlo Flavi

Be the first to comment on "Paliano, parola all’industriale Alfiero Romani: “lo sviluppo del comprensorio grazie a Moffa, mentre Alfieri è inadeguato”"

Leave a comment