Piglio, Fabio Macera Jazz e “l’onda” vino superiore D.O.C.G. per un ritmo DiVino

E’ stato senza ombra di dubbio un bellissimo abbinamento il “ritmo diVino” proposto dalla cantina di Maria Ernesta Berucci di Piglio dove la musica è stata abbinata ad un ottimo vino riserva e il jazz del musicista palianese Fabio Macera ha completato una serata di eleganza e degustazione.

Quindi la musica jazz degli anni 20-40 prima europea poi quella americana ha fatto da sfondo nella “gelida” cantina riscaldata dal suono della chitarra e dal basso, per una serata di vera goduria, che ha annunciato la signora Maria Ernesta Berucci in Capecchi sarà ripetuta in primavera in vigna.

L’accordatura a 432 hz oltre a creare un suono più armonioso e caldo, crea un’atmosfera capace di portare in noi sensazioni di pace e benessere, perché entra in risonanza con la frequenza universale 8 Hz. E’ la frequenza di replicazione del nostro DNA, la frequenza Alpha che si genera quando i due emisferi celebrali sono connessi,la stessa che attiva la ghiandola pineale o terzo occhio.

Lo sapevano bene i Pink Floyd, che hanno registrato l’album The Dark Side of tre Moon negli studi di Abbey Road a 432 hz, Verdi ne era un forte sostenitore.

 

Be the first to comment on "Piglio, Fabio Macera Jazz e “l’onda” vino superiore D.O.C.G. per un ritmo DiVino"

Leave a comment