Piglio, il pastore Massimiliano Bruni sogna una chiesetta per Giovanni Paolo II a 15 anni dall’ultima passeggiata

dav_vivid

Il pastore Massimiliano Bruni, la moglie Gloria e il vecchio  padre, sono tornati in montagna con il loro gregge di pecore, proprio nel posto dove Giovanni Paolo II, oggi Santo, è andato a riposarsi per ben 27 volte nei martedì di relax,  e non nasconde l’idea di poter realizzare in collaborazione con il Comune di Piglio, con la Diocesi di Anagni  e con i cittadini  una chiesetta ed un punto ristoro. Qui dove il Santo aveva posto una bella tenda che si mescolava con il verde dell’erba e delle piante in località Prati di San Biagio a Piglio.

Sono passati già quindici anni da quando Karol Wojtyla, accompagnato dal segretario Arcivescovo, ora Cardinale di Cracovia, Stanislao Dzwisz, dal medico personale Renato Buzzonetti, dalla guardia del corpo Camillo Cibin e da un limitato gruppo di agenti di scorta lasciò la Città del Vaticano per raggiungere i prati di Santo Biagio. Tale località dista appena due chilometri dal Santuario della Madonna del Monte, passaggio intermedio dei pellegrinaggi verso il Santuario della SS. Trinità e della Via Francigena.

Papa Wojtyla in questa fetta suggestiva di verde dopo aver pranzato con i suoi collaboratori e riposato in assoluta tranquillità, si mise a pregare mentre tutta la zona circostante era stata presidiata da pattuglie di poliziotti che ne avevano impedito l’accesso alle autorità e ai curiosi accorsi sul posto in moltitudine dopo che si era diffusa la notizia della presenza del Papa a Piglio.

L’ultima volta che il Santo Padre venne a Piglio fu il 13 aprile del 2004 e su questa “venuta” furono scritti fiumi d’inchiostro per raccontare l’evento, ed anche noi che collaboravamo con il Tempo di Roma, scrivemmo una serie di articoli, che abbiamo ritrovato in casa di Bruni.

Il 30 aprile 2011 il sindaco Cittadini inaugurò il percorso contemplativo, installò su questi prati la stele in marmo del maestro Ambrosetti, lesse la lettera dell’allora segretario del Santo Padre Cardinale Polacco Stanislao Dzwisz che comunicava al sindaco che lo aveva invitato, che lui era stato per ben 27 volte in quella località in preghiera e meditazione con il Santo Padre.

E’ questo un posto davvero incantevole dove si può respirare il silenzio della natura, il fruscio delle piante e passeggiare sui  verdi prati cosi come ha fatto e continua a fare il pastore Bruni che ci ha raccontato dei 7 incontri “ravvicinati” che ha avuto con il Papa tanto amato mentre portava a pascolare qui le sue pecore.

Domenica 14 aprilele comunità parrocchiali di Trevi nel Lazio, Altipiani di Arcinazzo, Filettino e Vallepietra, con inizio alle ore 15, hanno organizzato il “Cammino di Quaresima” nella domenica delle Palme e rifaranno la via Crucis presso il Cammino Contemplativo di San Giovanni Paolo II. La cittadina di Piglio farà questo cammino contemplativo organizzato dall’ex sindaco Tommaso Cittadini, il 3 Aprile prossimo, per ricordare gli 8 anni di posa della stele.

Giancarlo Flavi

Be the first to comment on "Piglio, il pastore Massimiliano Bruni sogna una chiesetta per Giovanni Paolo II a 15 anni dall’ultima passeggiata"

Leave a comment