Roma, ben 159 presenze al corso “Giornalismo e Comunicazione” svoltosi nella sede Rai ed organizzato da PIUE e SCR

Giornalismo e Comunicazione”, questi i temi richiesti a gran voce dai 159 partecipanti che hanno riempito le due sale di Viale Mazzini 14  a Roma. Qui il presidente Marcello Foa e gli altri relatori hanno tenuto una magnifica lezione di giornalismo. L’evento formativo è stato organizzato dal Sindacato Cronisti Romani, da PIUE ( Pubblicisti Italiani Uniti per l’Europa) ovviamente sotto l’egida dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio e della stessa Rai.

Dopo i saluti e l’introduzione della mattinata da parte del presidente Marcello Foa che ha ribadito la pluralità del servizio Rai che va sempre più distinguendosi per qualità. E’ stato Pierluigi Roeler Franz (presidente del Sindacato Cronisti Romani ) a toccare gli argomenti più scottanti: i giornalisti vedono diminuire sempre di più l’importanza della loro funzione con i giornali che chiudono le redazioni e quindi si pone il problema del pensionamento per gli stessi giornalisti.

 

La relazione sociologica dal titolo “Una nuova sfida per la comunicazione digitale”  è stata ampiamente illustrata dal Prof. Mario Morcellini (Presidente della conferenza italiana di Scienze della Comunicazione) che ha trattato il problema della comunicazione prima e del giornalista poi, il quale deve sempre verificare dalle fonti ufficiali la notizia, mentre la comunicazione è altra cosa. Il suo intervento su è sviluppato su 6 punti: Fonte di benessere e partecipazione per individui e società, Risorsa trasversale per il bene comune; Strumento etico di trasparenza; Riduzione delle rendite di posizione ingiustificate; Funzioni di modernizzazione delle reti organizzative ed Evidenziatore classico della società moderna.

Molto interessante si è rivelato l’intervento del giornalista Fabio Morabito, sindacalista esperto e cronista di razza che ha trattato il tema: “Le esigenze dei Cronisti”. Il

Presidente di PIUE, Gen. Carlo Felice Corsetti invece ha trattato “la legge 150/2000 e deontologia del giornalista”. Un importante tema che aveva trattato al precedente corso Gino Falleri e quando è stato nominato dal gen. Corsetti dal pubblico  è scrosciato uno spontaneo e   lungo applauso. Perché Gino è stato una grande maestro per quasi tutti i pubblicisti laziali e italiani, come ha evidenziato lo stesso Corsetti, che ha preso spunto dagli appunti che gli ha dato Falleri sulla vera deontologia del giornalista.

Poi c’è stato l’intervento di Carlo Verna (Presidente del Consiglio Nazionale Ordine dei giornalisti) che ha trattato il tema: “ Il ruolo dell’Ordine nel giornalismo che cambia”. Ha chiuso l’interessante e partecipata assemblea che ha assegnato ben 7 punti ai corsisti partecipanti Marcello Giannotti (Direttore Comunicazione Rai).

Le conclusioni finali sono state tenute dal moderatore Stefano Girotti  (Giornalista Rai) che ha evidenziato il fatto che proprio in questi giorni la Rai sta assumendo giornalisti a differenza di altre testate che chiudono, forse altre cento assunzioni sempre di giornalisti avverranno nel 2020. Tra gli ospiti il dott. Massimo Cicatiello e il Prefetto, comandante la polizia del Vaticano Dott. Felice Colombino.

Insomma, sono state ampiamente discusse le frontiere della comunicazione: il giornalismo del XXI secolo tra qualità dell’informazione e nuovi modi di informare e comunicare. La notizia ad “effetto” e l’informazione corretta. Il ruolo della Rai e il valore del servizio pubblico nella società che cambia. Quando comunicare è diverso dall’informare giornalisticamente. La deontologia e i doveri del giornalista, le nuove responsabilità il ruolo degli uffici stampa. Il giornalismo multimediale. Cosa significa informare su più piattaforme, come cambia il modo di fare giornalismo e di comunicare. Il ruolo dell’Ordine: perché c’è l’Ordine, perché è importante che ci sia, come deve cambiare. La riforma del settore, l’intervento del governo, le sovvenzioni pubbliche, come sostenere un settore se il mercato non è sufficiente a recuperare le risorse che servono. La centralità dell’occupazione nello scenario futuro: se c’è il lavoro e dignità del lavoro ci può stare buona informazione.

 

 

 

Be the first to comment on "Roma, ben 159 presenze al corso “Giornalismo e Comunicazione” svoltosi nella sede Rai ed organizzato da PIUE e SCR"

Leave a comment