Segni, il piatto “Idea di Faraona” con il topinambur e lo zafferano vince il Marrone D’oro (foto)

dav

Dopo l’abbuffata di pizza alla castagna con la competizione che ha visto la partecipazione di una sessantina di pizzaioli provenienti da tutto il mondo, è scattata a Segni, per festeggiare la gastronomia Lepina,  l’ottava edizione del Marrone d’Oro che è stato aggiudicato  alla giovane Alessia Brunori (figlia d’arte) con il piatto: Idea di faraona, marrone e brain con risotto topinambur e zafferano.

E’ stato un piatto che ha veramente incantato la giuria che non ha avuto esitazione nel giudicarlo presentato impiattato  molto bene, ma soprattutto con un gusto innovativo, per l’abbinamento del topinambur e lo zafferano le cui proprietà organolettiche sono state ben illustrate dalla giovane chef romana sig.a Alessia.

Quest’anno il Marrone d’oro  aveva anche un tema artistico quello dell’espressionismo astratto: tra arte gustativa e visiva. La giovane ha centrato in pieno il tema e giustamente è stata premiata.

Nella categoria allievi prima classificata la coppia dei giovani: Roberta Cecilia Ficociello e Silvia Maddalena, che hanno presentato il piatto: Profitterol  Piramide con crema  alla Castagna della scuola alberghiera di  Anzio. Primo classificato come Barman il giovane Davide Lidani della scuola alberghiera di Colleferro.

Altro premio speciale per l’Oscar della Ristorazione invece è andato al ristorante “Forchetta Matta” di Nicola Gallo di Monterotondo.  Questo premio è stato assegnato attraverso votazioni sul web dal concorso indetto  da Ace Lazio che ha organizzato l’intera manifestazione in collaborazione con l’associazione professionale cuochi italiani (APCI) e promotore dell’evento lo chef  Marco Graziosi, presidente Ace Lazio e responsabile di Frosinone per APCI Lazio, titolare del ristorante “Panorama” nella città simbolo dei Lepini. Tra gli ospiti d’onore gli chef Memo Passeri degli Altipiani di Arcinazzo e quello televisivo il ciociaro Fabio Campoli che ha voluto degustare uno alla volta i prodotti in esposizione a cominciare dall’olio extra vergine  segnino di Pietro Volpicelli dell’azienda agricola Anna Maria Vittozzi. Dal formaggio presentato dal giovanissimo Massimiliano  per gli  “Amici della Pecorella” – “Azienda agricola Amici di Giulio” che peraltro ha presentato anche la produzione propria di capra e pecora, con le famose marzoline, arrosticini casarecci di pecora e carne di vitellino di  Gavignano, tutto a km0. Abbinati ai vini colonnesi dei Principi Pallavicini.

Molto bello e ben fatto lo show cooking tenutosi alla presenza dello chef televisivo Fabio Campoli e dall’altro chef Augusto Bufalini  (chef APCI) che ha presentato ai numerosi ragazzi presenti delle scuole alberghiere un risotto con i funghi porcini arrostiti e inseriti nel riso a fine cottura. Anche questo un piatto innovativo che ha lasciato in exstasi tutti i presenti che lo hanno potuto degustare appena sfornato  e cucinato davanti a tutti.  Durante la bella settimana di gastronomia ci sono stati concorsi e dimostrazioni culinarie di primo livello. E ancora una volta si è dimostrata la versatilità culinaria della castagna e in special modo del marrone segnino che veramente è stato presentato in diversi  assaggi  e cucinato in modi estremamente delicati, esaltando  così la farina di questo prodotto locale.  Marrone segnino  che pure una volta rappresentava il 7% percento a livello Italiano e il 5% a livello mondiale di produzione. La lotta al cinipide e l’abbondante acqua dell’estate scorsa ha fatto abbassare la quantità, ma non la qualità.

Giancarlo Flavi

Be the first to comment on "Segni, il piatto “Idea di Faraona” con il topinambur e lo zafferano vince il Marrone D’oro (foto)"

Leave a comment