Colleferro, sempre più attuali le parole di Papa Montini esclamate in piazza nel lontano 1966, che sono parte integrante della Dottrina Sociale della Chiesa

dav

La voce di Papa Montini riecheggia nell’Aula del Consiglio Comunale in occasione del convegno: Dottrina Sociale della ChiesaLe Ragioni della nascita, organizzata dalla Città della cultura regionale di Colleferro con importanti relatori che hanno parlato di due grandi Papi: Leone XIII al secolo Vincenzo Giovacchino Pecci nato a Carpineto Romano e Paolo VI  Giovanni Battista Montini, che sono stati i veri protagonisti di una politica sociale della chiesa di Roma.

Dal convegno è emerso chiaro che il messaggio della Dottrina Sociale della Chiesa è sempre più attuale ai tempi di oggi. Papa Montini, in occasione della visita tenuta domenica 11 Settembre 1966 alla città di Colleferro nella sua lunga omelia davanti ad una folla immensa (foto in basso)  alla presenza dei ministri Giulio Andreotti e dell’On. Romiti e di tutta la famiglia della Bomprini Parodi Delfino, con i conti D’Orleans e il parroco di Allora Don Umberto e il Sindaco della Rosa disse: “sono venuto per tributare onore e memoria ad un mio grande predecessore Papa Leone XIII, sapete che è morto nel 1903 ma nel 1891 e cioè 75 anni fa egli pubblicò un documento, di cui certo voi avete notizia che si intitola “Rerum Novarum” ed è la grande enciclica che tratta delle questione operaia, della questione sociale ed è stata la grande parola con cui la Chiesa, direi, si è impegnata alle Vostre questioni e dopo di allora non ha mai smesso di interessarsi delle vostre situazioni, dei vostri bisogni, delle vostre aspirazioni, delle vostre fatiche, della vostra difficoltà, delle vostre lotte”.  E’ questo il passo che è stato riproposto in voce da uno dei relatori l’ing.  Gianfranco Siniscalchi a conclusione dell’interessantissima conferenza, peraltro molto seguita da un attento pubblico.

Un altro passaggio accalorato è stato quando Papa Montini, dopo aver parlato della rinascita industriale dell’Italia del lavoro organizzato, ha affermato con un tono di voce deciso: “ Ma il grande saluto, il vero saluto è per Voi, per Voi Lavoratori ( la voce del papa è stata interrotta da  tantissimi applausi). Per Voi, Per Voi sono venuto specialmente, Voi siete l’oggetto principale della mia visita. Ho cercato qui d’intorno dove posso incontrarli con una bella espressione di mondo lavoratore. Colleferro. Ed eccomi a Colleferro. Via Colleferro operaia” ha esclamato con voce sempre più decisa raccogliendo ovviamente consensi.

Tanto è vero che quando è stato eletto Papa tutti i giornali hanno titolato il “Papa operaio”. E’ toccato alla Prof.ssa Eliana Versace trattare il tema: Giovanni Battista Montini, il mondo del lavoro e la questione sociale” che ha ricordato Papa Montini, il 14 Ottobre scorso è stato proclamato Santo, insieme a Nunzio Suplizio, che era stato beatificato proprio da Paolo VI, era un operaio.  Questo a significare sempre di più che tutti possono diventare Santi. Poi ha raccontato la vita di Montini, che andando in giro per il mondo andava sempre a trovare gli operai in tutte le fabbriche. In America, alla Ford, ha notato che durante l’ora di pausa ha visto un operaio pregare invece di mangiare e lo ha raccontato ai dirigenti che hanno risposto che non era il solo. Da Arcivescovo di Milano ha dato corso alla Fuci e fece nascere le Acli per la  piena applicazione all’enciclica “ Rerum Novarum”. La vita del Papa di questa enciclica (Papa Pecci) è stata illustrata dal Prof. Rocco Pizzimenti che ha spiegato: “Il perché è nata la Dottrina sociale della Chiesa”. Ha ricordato che Leone XIII a soli 35 anni è stato nominato Nunzio Apostolico a Bruxelles ed ha parlato di “educazione alla Libertà” ed ha posto subito la questione operaia, fondando “i laici per la misericordia” e con l’assistenza ai carcerati, che aveva visto in Belgio dove peraltro c’era una dispersione, poiché i ragazzi detenuti per vari reati al 96% tornavano a delinquere. Fece fare questo esperimento anche a Roma, dove però i ragazzi all’interno del carcere imparavano un mestiere e si è visto che il recupero era contrario il 96 percento tornava in società, il quattro percento andava in dispersione.  Il tutto   prima della Rerum Novarum. “Papa Pecci- Ha ricordato Pizzimenti- ha scritto altre encicliche poco note ma da queste e nata appunto la “Rerum Novarum” ed è stato il fermo assertore Che la perfezione non è di questo mondo, però come cattolici dobbiamo essere impegnati a migliorare la vita. E quindi l’educazione non può essere solamente quella dello stato, anche la chiesa ha il ruolo d’insegnare. Mettendo il problema del lavoro al centro,  un lavoro che deve essere proporzionato alla salute, al carico della forza dell’uomo e quindi ha dato alla Politica una concezione nobile e le cose buone si possono fare se vengono dalla Dottrina della Chiesa”.

Altro qualificato intervento è stato quello del Prof. Alberto Lo Presti che ha trattato il tema: “La questione Antropologia della Dottrina ed ha parlato anche di Civiltà dell’Amore ed ha posto al centro del suo intervento la persona con la Sua dignità.

A salutare gli interventi è stato il sindaco di Colleferro Pierluigi Sanna che ha parlato della sua città fabbrica, dove sono nate “le Pie Operaie” ed ha ricordato che la visita di Papa Montini in città è stata molto importante perché è stato ribadito il concetto della persona, che è sempre più attuale nel contesto moderno. Tra il pubblico abbiamo notato Mons. Luciano Lepore parroco di Santa Barbara),  Quirino Briganti Presidente della Compagnia dei Lepini, ed alcune persone presenti alla visita di Montini  nel 1966 a Colleferro, che hanno rivissuto le emozioni di allora con alcune foto proiettate, tratte dal giornale “L’Unione” ma soprattutto, con il fonico, il momento della visita di Papa Montini, il Papa Operaio.

Giancarlo Flavi

Be the first to comment on "Colleferro, sempre più attuali le parole di Papa Montini esclamate in piazza nel lontano 1966, che sono parte integrante della Dottrina Sociale della Chiesa"

Leave a comment